SORELLE DI PANCIA

1551750_997664483591925_3067909133866077551_nQuando una mamma lascia il corso di yoga prenatale pronta a partorire è sempre un’emozione grande anche per me. Sento la sua eccitazione e il suo timore, la mamma va, e sento che oltre la gioia per la nascita c’è anche un po’ di paura a lasciare il cerchio di pance con cui si è condivisa non solo la pratica ma anche le emozioni e il sentire di questa gravidanza. Sì, anche se a malincuore bisogna andare, allontanarsi dal gruppo, il parto è un evento intimo, è silenzio e raccoglimento. Un momento iniziatico di sacra solitudine. Ma se come dice Leboyer il parto è un mare in tempesta e che occorre una zattera per attraversarlo, la pratica è la nostra zattera e il cerchio di sorelle di pancia, che altrettanto silenziose ed emozionate seguono la nascita della loro compagna, discretamente, presenti con il cuore, sintonizzate, organizzate con catene di messaggi, pronte a fare il tifo, respirano e cantano mentre la loro compagna spinge e trema, perché in realtà nessuna è più sola in sala parto, sono tutte lì unite da un cordone invisibile che lega le loro pance. Perché chi è sorella lo sa, il cerchio è aperto e mai spezzato, con gioia ci siamo incontrate, con gioia ci siamo lasciate, con gioia ci rincontreremo.
Dal profondo dentro di me, al profondo dentro di te
Con infinito amore,

Kiki

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...